Skip to Content

Grandezza del testo

Current Size: 100%

Stile pagina

Current Style: Standard

Giornata mondiale della lettura - 23 aprile 2015

Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore patrocinata dall'Unesco

La nostra Scuola aderisce al Progetto   #ioleggoperché

Io leggo perchè

'Posta un libro' è il nome dell'iniziativa scelta per coinvolgere tutti gli studenti dell'Istituto Comprensivo Cogoleto.


Protagonisti saranno gli studenti e gli insegnanti di qualsiasi materia. Da oggi al 23 aprile tutti gli alunni potranno partecipare.

La chiave di 'Posta un libro' è la citazione tratta da una qualsiasi lettura individuale e di classe. Sarà veicolata attraverso dei “foglietti post-it” (che vi verranno forniti) per diventare consiglio (Io leggo questo libro perché…) e direttamente esposta sul muro di carta presente in ogni ordine e plesso.  La stessa citazione sarà inserita nella pagina 'Posta un libro', presente sul Sito della scuola.


Dal 23 aprile, Chiunque  potrà prendere dai cartelloni createsi,  un post-it con la citazione che più lo ha coinvolto e … leggere il libro da cui essa è stata tratta. 
Buona lettura a tutti!

Le FOTO del nostro cartellone


Insegnanti referenti: Gennai e Migliazzo

 

Io leggo perchè....pensieri in libertà

 …Già nella vetrina della libreria hai individuato la copertina col titolo che cercavi. Seguendo questa traccia visiva ti sei fatto largo nel negozio attraverso il fitto sbarramento dei Libri Che Non Hai Letto che ti guardavano accigliati dai banchi e dagli scaffali cercando d'intimidirti. Ma tu sai che non devi lasciarti mettere in soggezione, che tra loro s'estendono per ettari ed ettari i Libri Che Puoi Fare A Meno Di Leggere, i Libri Fatti Per Altri Usi Che La Lettura, i Libri Già Letti Senza Nemmeno Bisogno D'Aprirli In Quanto Appartenenti Alla Categoria Del Già Letto Prima Ancora D'Essere Stato Scritto. E cosí superi la prima cinta dei baluardi e ti piomba addosso la fanteria dei Libri Che Se Tu Avessi Piú Vite Da Vivere Certamente Anche Questi Li Leggeresti Volentieri Ma Purtroppo I Giorni Che Hai Da Vivere Sono Quelli Che Sono. Con rapida mossa li scavalchi e ti porti in mezzo alle falangi dei Libri Che Hai Intenzione Di Leggere Ma Prima Ne Dovresti Leggere Degli Altri, dei Libri Troppo Cari Che Potresti Aspettare A Comprarli Quando Saranno Rivenduti A Metà Prezzo, dei Libri Idem Come Sopra Quando Verranno Ristampati Nei Tascabili, dei Libri Che Potresti Domandare A Qualcuno Se Te Li Presta, dei Libri Che Tutti Hanno Letto Dunque E' Quasi Come Se Li Avessi Letti Anche Tu.
Sventando questi assalti, ti porti sotto le torri del fortilizio, dove fanno resistenza
i Libri Che Da Tanto Tempo Hai In Programma Di Leggere,
i Libri Che Da Anni Cercavi Senza Trovarli,
i Libri Che Riguardano Qualcosa Di Cui Ti Occupi In Questo Momento,
i Libri Che Vuoi Avere Per Tenerli A Portata Di Mano In Ogni Evenienza,
i Libri Che Potresti Mettere Da Parte Per Leggerli Magari Quest'Estate,
i Libri Che Ti Mancano Per Affiancarli Ad Altri Libri Nel Tuo Scaffale,
i Libri Che Ti Ispirano Una Curiosità Improvvisa, Frenetica E Non Chiaramente Giustificabile. Ecco che ti è stato possibile ridurre il numero illimitato di forze in campo a un insieme certo molto grande ma comunque calcolabile in un numero finito, anche se questo relativo sollievo ti viene insidiato dalle imboscate dei Libri Letti Tanto Tempo Fa Che Sarebbe Ora Di Rileggerli e dei Libri Che Hai Sempre Fatto Finta D'Averli Letti Mentre Sarebbe Ora Ti Decidessi A Leggerli Davvero…

Da “Se una notte d’inverno un viaggiatore” di Italo Calvino

Quando una persona mi piace moltissimo non ne dico mai il nome a nessuno: è come rinunciare a una parte di lei.
Ho imparato ad amare il segreto: mi sembra l'unica cosa che può rendere misteriosa, o splendida, la vita moderna.

Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde - Paola Cravero

Ora tu pensa: un pianoforte. I tasti iniziano. I tasti finiscono. Tu sai che sono 88, su questo nessuno può fregarti. Non sono infiniti, loro. Tu, sei infinito, e dentro quei tasti, infinita è la musica che puoi fare.
Loro sono 88. Tu sei infinito. Questo a me piace. Questo lo puoi vivere.

Novecento di Alessandro Baricco -  Paola Cravero

Quanto dolore ti risparmi dormendo. Il problema è quando ti svegli.

Bianco come il latte rosso come il sangue di Alessandro D'Avenia - Emanuela Aprigliano

Nobile è colui che cade in batta glia combattendo coraggiosamente per la sua terra natale e miserabile l'uomo che, rinnegando la patria, fugge dai fertili campi per vivere di elemosina.

L'amico ritrovato di Fred Uhlman  - Emanuela Aprigliano

Abbiamo imparato a nuotare come pesci, abbiamo imparato a volare come uccelli, ma non abbiamo imparato a vivere come fratelli.

Martin Luther King -  Veronica Maria Casarino

Sono viva! Ho avuto il coraggio di saltare dentro la vita, che sballo! Salto, canto e grido.

Eroi metropolitani di Kristina Dunker -  Tommaso Villani

Le storie sono come le persone. Non sono fatte per stare sole.

Ma le stelle quante sono di Giulia Carcasi -  Carlotta Scanziani

Gli parve che la fuga del tempo si fosse fermata …

Il deserto dei Tartari di Dino Buzzati - Giulia Gambino

Non avere paura di non avere tutte le risposte giuste. Imparerai attraverso le esperienze e troverai la strada che conduce alla felicità.

Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen - Loredana Ferraro

Il rispetto delle altre culture è una grande cosa, quello che va evitato è lo scontro tra civiltà, che porterà alla fine di tutto.

Tiziano Terzani            

Se qualcuno chiede a mamma qual è il problema di Pulce, lei risponde Encefalopatia epilettogena da sofferenza feto-connatale con ritardo mentale grave e disturbo pervasivo dello sviluppo che rientra nelle patologie dello spettro autistico.
Se lo chiedete a me, invece, rispondo che Pulce non è mai stata un problema: è mia sorella, mica un trattato di medicina neurocomesichiama. La prima cosa speciale a proposito di Pulce è che lei non parla.
Ma questo non significa che non abbia niente da dire.

Da "Pulce non c'è" di Gaia Rajneri

Non dar retta ai tuoi occhi, e non credere a quello che vedi. Gli occhi vedono solo ciò che è limitato. Guarda col tuo intelletto, e scopri quello che conosci già, allora imparerai come si vola.

Da " Il gabbiano Jonathan Livingston "  di  Richard Bach      Mara Calcagno  

La vita proprio non mi torna: per possederla devi perderla per qualcuno.

Da  "Ciò che inferno non è " di Alessandro D'Avenia    Migliazzo Loritana 

Anche l'assenza di una risposta è una risposta.

Da " L'alchimista" di Paulo Coelho      Michela Caccavano

Non possiamo scegliere le nostre ferite, ma possiamo scegliere chi ci ferirà.

Da "Colpa delle stelle" di John Green    Marta Moschella

Il rispetto delle altre culture è una grande cosa,quello che va evitato è lo scontro tra civiltà,che porterà la fine di tutto.

Da "Lettere contro la guerra" Tiziano Terzani   Fabiana Scippa

Carpe diem

Da " Carmina" di Orazio    Maria Francesca Tridico

Se si pongono le domande di fondo, le risposte saranno più facili.

Da "Lettere contro la guerra" di Tiziano Terzani - Carlotta Scanziani

È molto più difficile giudicare se stessi, che giudicare gli altri.

Da "Il piccolo principe" di Antoine de Saint Exupéry - Fabio Valle 

Le pagine diventano bianche, manca inchiostro alla vita.

Da "Bianca come il latte, rossa come il sangue"  di Alessandro D'Avenia - Serena Favia

 … riprende il controllo di quello straordinario strumento che è la sua mente.

Da "Lettere contro la guerra" di Tiziano Terzani - Gianluca Ghillino

Accadono cose che sono come domande. Passa un minuto, oppure anni, e poi la vita riprende.

Da "Castelli di rabbia" di Alessandro Baricco - Donatella Gennai

 … Di nuovo rabbrividirono pensando alla mafia; e chiesero spiegazioni, racconti delle terribili cose che, certamente, il capitano aveva visto. Bellodi raccontò la storia del medico di un carcere siciliano che si era messo in testa, giustamente, di togliere ai detenuti mafiosi il privilegio di risiedere in infermeria: c’erano nel carcere molti malati, ed alcuni addirittura tubercolotici, che stavano nelle celle e nelle camerate comuni; mentre i caporioni, sanissimi, occupavano l’infermeria per godere di un trattamento migliore. Il medico ordinò che tornassero ai reparti comuni, e che i malati venissero in infermeria. Né gli agenti né il direttore diedero seguito alla disposizione del medico….Il medico fu dal Ministero esonerato dal suo compito: visto che il suo zelo aveva dato luogo ad incidenti

Da " Il giorno della civetta" di Leonardo Sciascia

 Il mio desiderio è sempre stato quello di sognare ad occhi aperti

Geronimo Stilton, Sesto viaggio nel regno della fantasia

 Per questo sei morta giovane bambina, per raccontare a noi defunti le nuove storie del mondo, le storie che noi non abbiamo vissuto

Teresa Buongiorno, Il mio cuore e una piuma di struzzo

 E’ una vecchia villa abbandonata, dicono che vi sia rimasto uno spettro
Sherlok, Lupin e io. Il trio della dama nera.
 
Mi sono innamorata di te come quando ci si addormenta: piano piano poi…profondamente
John Green, Colpa delle stelle
 

Un buon atteggiamento è la base ideale per un perfetto lavoro di squadra
Christina Sonderman, Giocare con il cane

Felice chi, come Ulisse, ha il cane Argo che lo aspetta
Luciano Erba, Poesie
 
Contromano! Era quella la risposta, era quella la risposta, era quella la causa di tutto.
K: Ireland, Contromano

 
La gente crede di inseguire le stelle e finisce come un pesce rosso in una boccia.
Muriel Barbary, L’eleganza del riccio
 
Il miglior modo per dire addio è non dirlo affatto. E il miglior ricordo che si può portare via è il ricordo di un giorno qualsiasi.
Elisabetta Gnone, Fairy Oak
 

Quando la nebbia è fitta fitta, può passarti vicino uno che ti sta antipatico e tu non lo vedi, perciò puoi fare a meno di salutarlo.
Luigi Garland – Alessia Cruciani, Un leone su due ruote

Il regno della fantasia è aperto a tutti coloro che amano sognare
Geronimo Stilton, Il settimo viaggio nel regno della fantasia
 

L’uomo finisce per andare verso l’uomo, anche se la giungla non lo scaccia
Rudyard Kipling, Il libro della giungla

Tutti i grandi sono stati piccoli, ma pochi di essi se ne ricordano
Antoine de Saint-Exupèry, Il Piccolo Principe
 
L’ho detto  nella mia mente, così non l’ha sentito nessuno tranne me.
Rachel Renèe Russel, I diari di Nikky
 
Farò del mio meglio per regalarti un lieto fine quest’anno
Rob Buyea, Il maestro nuovo